La bilirubina è una sostanza giallastra che si trova nel sangue e deriva dalla degradazione dell’emoglobina. Essa si forma dopo la distruzione dei globuli rossi esausti e viaggia attraverso il fegato e il tratto digestivo prima di essere escreta nelle urine.

Continua a leggere questo articolo per scoprire cos’è la bilirubina e quali sono le conseguenze e i sintomi di alti livelli di questa sostanza nel sangue.

Bilirubina

Cos’è la bilirubina?

La scomposizione dei globuli rossi nel corpo produce bilirubina. I globuli rossi hanno una durata di circa 120 giorni e contengono emoglobina, una proteina che trasporta l’ossigeno nel corpo, e quando si degrada forma la bilirubina.

La bilirubina viene trasportata al fegato dall’albumina, un’altra proteina. Nel fegato si coniuga con l’acido glucuronico, diventando così idrosolubile. Infatti, la bilirubina non coniugata, non essendo idrosolubile, non può essere filtrata dai reni ed escreta nelle urine.

Successivamente questa sostanza lascia il fegato e passa alla cistifellea, dove si concentra ulteriormente e si mescola con la bile. Successivamente si riversa nell’intestino, dove viene ridotta dai batteri e una parte viene riassorbita nel sangue, un’altra parte torna al fegato, la restante parte viene escreta dal corpo nelle urine e nelle feci

La bilirubina non coniugata è tossica per l’organismo poiché non può essere rimossa dal corpo andando ad aumentare i livelli di questa sostanza nel corpo.

 

Bilirubina alta

Avere livelli di bilirubina alta nel sangue è una condizione chiamata iperbilirubinemia e solitamente potrebbe essere un segno di qualche altra particolare condizione quindi è importante consultare un medico se gli esami del sangue mostrano alti livelli di questa sostanza.

Livelli elevati di questa sostanza possono verificarsi negli adulti, ma è più comune nei neonati. Questo perché ci vuole del tempo dopo la nascita prima che un bambino inizi a metabolizzare in modo efficiente la bilirubina e ad espellerla.

 

Livelli normali

I valori normali per la bilirubina totale vanno tra 0.3 e 1.0 mg/dl di sangue.

La bilirubina diretta o coniugata, post-epatica varia tra 0.1 e 0.3 mg/dl

Quella indiretta, non coniugata e pre-epatica dovrebbe variare tra 0.2 e 0,8 mg/dL. (Articolo)

 

Cause

Qualsiasi condizione che influisca sulla funzione del fegato può causare l’accumulo di bilirubina nel sangue. Avere una bilirubina alta può essere un segno di diverse condizioni tra cui:

 

Calcoli biliari

La cistifellea è deputata alla conservazione della bile, un fluido in grado di digerire i lipidi nell’intestino tenue. I calcoli biliari sono piccoli sassolini che si formano quando sostanze come il colesterolo eccedono nella bile.

I sintomi dei calcoli biliari includono:

  • dolore nell’addome in alto a destra, sotto il petto
  • mal di schiena tra le spalle diramato verso destra
  • malessere generale
  • nausea

In questo caso questa sostanza si accumula quando la cistifellea è bloccata e non riesce a drenare correttamente.

Disfunzione epatica

Le patologie che influiscono con il funzionamento epatico possono accumulare la bilirubina. Questo è il risultato della perdita della capacità del fegato di rimuovere ed elaborare questa sostanza dal flusso sanguigno.

I sintomi comuni di disfunzione epatica includono:

  • ittero
  • gonfiore addominale
  • edema
  • nausea
  • lividi facili
  • urina molto scura
  • feci sanguinolente o nere
  • pelle pruriginosa

Epatite

L’epatite è una condizione che si verifica in seguito ad un’infiammazione del fegato in seguito ad un’infezione solitamente virale. Quando è infiammato, il tuo fegato non può elaborare facilmente questa sostanza, portando a un accumulo di essa nel sangue.

I sintomi possono includere:

  • ittero
  • urina scura
  • dolore addominale
  • nausea
  • vomito

 

Altre condizioni che possono causare la bilirubina alta nel sangue sono:

  • Anemia emolitica
  • Dotto biliare infiammato
  • Sindrome di Gilbert

 

Bilirubina alta: sintomi

Come hai ben capito i sintomi della bilirubina alta dipendono spesso dalla causa sottostante. Perciò puoi avere livelli leggermenti alti e non avere alcun sintomo oppure solo alcuni sintomi. Generalmente l’ittero è il segno principale della bilirubina alta, e si riferisce alla colorazione tendente al giallastro della pelle e delle mucose.

Altri sintomi della bilirubina alta sono:

  • dolore o gonfiore addominale
  • brividi
  • dolore al petto
  • debolezza
  • vertigini
  • fatica
  • nausea
  • vomito
  • urina scura

 

Devo preoccuparmi?

Assolutamente no, non serve a niente preoccuparsi. In molti casi, avere solo la bilirubina alta  negli esami del sangue non è un segno di qualcosa di molto preoccupante.

Naturalmente se è accompagnata da sintomi come febbre, feci nere e sanguinolente, vomito, eruzione cutanea e dolore addominale ti consigliamo di chiamare il medico.

 

Bilirubina alta nei neonati

I neonati con alti livelli di bilirubina hanno una condizione chiamata iperbilirubinemia neonatale o ittero nei neonati.

Negli adulti, i batteri intestinali scompongono la bilirubina coniugata per creare urobilina, che viene escreta nelle feci. Nei neonati, il fegato impiega diversi giorni per iniziare a elaborare adeguatamente la bilirubina. In un bambino sano i livelli di questa sostanza tendono a destare preoccupazione quando superano circa 18 mg/dl. (articolo)

Livelli elevati di bilirubina possono essere tossici per i nervi e causare danni cerebrali. La maggior parte dell’ittero nei bambini non è grave e i sintomi si risolvono naturalmente.

Avatar di Healthday
Articolo scritto e revisionato dalla redazione di Healthday.it

Condividi questo post

Articoli correlati