Una persona affetta da disturbo bipolare sperimenta sbalzi d’umore e di energia che renderanno difficili le attività quotidiane. Mediamente questo disturbo viene diagnosticato intorno ai 25 anni, sebbene i sintomi possano comparire anche in età adolescenziale o in età più avanzata. Con una cura adeguata e un trattamento appropriato la persona affetta dal disturbo bipolare vivrà una vita dignitosa e produttiva.

In questo articolo spieghiamo cos’è il disturbo bipolare e quali sono le cause e il trattamento.

 

Disturbo bipolare: cos’è?

Il disturbo bipolare, noto anche come malattia maniaco-depressiva , è una condizione mentale cronica che provoca cambiamenti estremi dell’umore che interrompono la vita di tutti i giorni. Questi sbalzi d’umore e di energia possono avere un impatto drammatico sul comportamento,sulle relazioni, sul lavoro, e su altri aspetti della vita di una persona.

I cambiamenti dell’umore nelle persone con questa condizione non sono cambiamenti lievi come quelli a cui siamo abituati tutti per via dello stress o per aver dormito poco, ma sono cambiamenti molto intensi che vengono accompagnati da altri sintomi.

Inoltre non è un disturbo raro tra la popolazione e come vedete nel grafico seguente, circa il 2,8 delle persone negli stati uniti ci soffrono, senza particolare distinzione di sesso. Possiamo inoltre notare come più si avanza con l’età e più diminuisce la percentuale di persone che soffrono di disturbo bipolare. (articolo)

grafico disturbo bipolare

 

Sintomi

I sintomi possono variare da individuo a individuo, perciò per alcune persone, un singolo episodio di disturbo bipolare può durare per molto tempo, altre invece, possono sperimentare alti e bassi o in contemporanea oppure in rapida successione. Quest’ultimo è detto a ciclo rapido dove si presentano almeno quattro  episodi durante l’arco dell’anno.

Per ricevere una diagnosi di disturbo bipolare, devi sperimentare almeno un periodo di mania o ipomania. Entrambi implicano sentimenti di eccitazione, impulsività e alta energia, ma l’ipomania è considerata meno grave della mania. I sintomi della mania possono influenzare la tua vita quotidiana, causando problemi al lavoro o a casa, al contrario dell’ipomania.

Inoltre gli sbalzi d’umore verso il basso possono causare i sintomi della depressione maggiore grave.

Mania e ipomania

La mania spesso comporta uno sballo emotivo. Potresti sentirti euforico, impulsivo, eccitato e pieno di energia o anche sentirti nervoso e avere allucinazioni e psicosi. Questi episodi maniacali comportano comportamenti più euforici e quindi potresti sentirti più forte di quello che sei veramente, quindi potresti far uso eccessivo di alcol e droghe, guidare veloce, fare sport estremi. Questi possono essere anche sintomi comuni, ma ciò che li differenzia con il disturbo bipolare è il mancato controllo delle emozioni.

L’ipomania invece, spesso non crea problemi nella vita sociale e lavorativa, poiché non è presente la psicosi e generalmente non richiede cure ospedaliere. In questo caso potresti sentirti molto produttivo ed energico, ma potresti non notare sbalzi d’umore.

Depressione

Un episodio depressivo maggiore include sintomi gravi da causare notevoli difficoltà nello svolgimento delle attività quotidiane e deve includerne almeno cinque dei seguenti:

  • Umore depresso, triste, vuoto, senza speranza.
  • Perdita di interesse per le normali attività.
  • Perdita o aumento di peso significativi e inspiegabili
  • Insonnia
  • Irrequietezza o comportamento rallentato
  • Stanchezza o perdita di energia
  • Vergogna o colpa
  • Bassa concentrazione
  • Pensieri suicidi

Non tutti coloro che soffrono di disturbo bipolare sperimentano episodi depressivi maggiori.

A seconda del tuo tipo di disturbo, potresti riscontrare solo alcuni sintomi di depressione, non tutti i cinque necessari per un episodio importante. Nel prossimo paragrafo mostreremo quali sono i tipi di disturbo bipolare.

 

Tipologie

Una persona può ricevere una diagnosi di uno dei tre tipi di disturbo bipolare.

Disturbo bipolare I

Per una diagnosi di disturbo bipolare I una persona deve aver avuto:

  • Comparsa di almeno un episodio maniacale
  • Periodi di depressione maggiore
  • sintomi che non si riferiscono con un’altra condizione mentale

Disturbo bipolare II

Per una diagnosi di disturbo bipolare II, una persona deve aver avuto:

  • uno o più episodi di depressione maggiore della durata di almeno 2 settimane e che coinvolge almeno 5 sintomi sopraelencati
  • almeno un episodio ipomaniacale di 4 giorni
  • sintomi che non si riferiscono a un’altra condizione mentale

Ciclotimia

Le persone con ciclotimia hanno episodi di ipomania e depressione più brevi e meno gravi rispetto alla mania e alla depressione causate dal disturbo bipolare I o bipolare II.

  • periodi di sintomi ipomaniacali e depressivi che non soddisfano i criteri degli episodi
  • sintomi intermittenti per oltre 2 anni e che si assentano per più di 2 mesi alla volta
  • sintomi che non si riferiscono a un’altra condizione mentale

Cause

Le cause del disturbo bipolare possono essere tre:

Fattori ereditari: il disturbo bipolare è più comune in coloro che hanno un membro della famiglia con la condizione.

Tratti biologici: squilibri dei neurotrasmettitori che colpiscono il cervello possono svolgere un ruolo importante.

Stile di vita: abusi, stress,evento traumatici, possono innescare un episodio iniziale.

 

Diagnosi

Un medico diagnosticherà il disturbo bipolare utilizzando alcuni criteri importanti. Per ricevere quindi, una diagnosi di disturbo bipolare I, una persona deve aver avuto sintomi per almeno 7 giorni, o meno se i sintomi erano abbastanza gravi da richiedere il ricovero in ospedale. Per ricevere una diagnosi di bipolare II, una persona dovrà sperimentare almeno un ciclo di ipomania e depressione.

Il disturbo bipolare può essere difficile da riconoscere poiché le persone richiedono un aiuto per l’umore basso e non per l’umore alto, perciò sarà spesso confuso con il disturbo depressivo.

Inoltre, il medico dovrà escludere altre cause dei sintomi, attraverso l’esame del sangue e urine.

 

Trattamento del disturbo bipolare

Diversi trattamenti possono aiutarti a gestire i sintomi di questo disturbo mentale tra cui: farmaci, psicoterapia e cambiamenti nello stile di vita.

farmaci

consigliati farmaci possono includere:

  • stabilizzatori dell’umore
  • antipsicotici
  • antidepressivi
  • ansiolitici

Questi farmaci sono molto potenti, e possono influenzare la vita delle persone. Il medico cambierà sia il farmaco che la dose nel corso del tempo, per questo motivo dovresti parlarne con un medico se hai più dubbi di quelli che avevi.

Psicoterapia

La psicoterapia può aiutare ad alleviare i sintomi e aiutare una persona a gestire il disturbo bipolare.

Attraverso la terapia cognitivo-comportamentale, la psicoeducazione e la terapia interpersonale, l’individuo può imparare a:

  • riconoscere e adottare misure per gestire i fattori scatenanti chiave come lo stress
  • identificare i sintomi di un episodio bipolare e gestirlo al meglio
  • lavorare su fattori che aiutano a mantenere un umore stabile il più a lungo possibile

Per i bambini e gli adolescenti con disturbo bipolare, un medico può raccomandare la terapia familiare.

Alcune persone potrebbero aver bisogno di trascorrere del tempo in ospedale se la persona è affetta da psicosi e c’è il rischio che possano farsi del male o far del male agli altri.

 

Rimedi naturali per il disturbo bipolare

La natura ci ha donato tutti ma noi abbiamo esagerato, perciò esistono alcuni rimedi naturali anche per aiutare con i sintomi. Tuttavia dovrai parlarne con un medico psichiatra prima di provare questi rimedi, poiché potrebbero interferire con i farmaci.

Omega 3

Secondo uno studio recente gli integratori contenenti omega-3 sono utili nel trattamento del disturbo bipolare.

Puoi acquistare un integratore di omega-3 cliccando qui.

Erba di san giovanni (Iperico)

L’erba di San Giovanni contiene due sostanze bioattive, cioè l’iperforina e l’ipericina, ed è stata utilizzata efficacemente nel trattamento della depressione maggiore. L’erba di San Giovanni è un’opzione terapeutica interessante per i pazienti con depressione da lieve a moderatamente grave perché è stato dimostrato negli studi clinici di essere efficace e ben tollerato con un profilo di effetti collaterali più favorevole rispetto agli antidepressivi. (studio)

Acquista qui

Altri integratori utili

5htp

Rhodiola rosea

 

Conclusioni

Il disturbo bipolare è una condizione mentale seria, molto grave ma anche comune tra le persone. I cambiamenti dell’umore sono estremi e non dipendono da altri fattori come l’insonnia o l’uso di sostanze. Può interrompere gravemente la vita di una persona, ma il trattamento può migliorare drasticamente le prospettive.

Ti consigliamo di rivolgerti ad un medico psichiatra per valutare la tua situazione se pensi di avere questo disturbo.

Avatar di Healthday
Articolo scritto e revisionato dalla redazione di Healthday.it

Condividi questo post

Articoli correlati