Dopo la seconda guerra mondiale finita con le esplosioni delle bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki, i ricercatori ebbero modo di studiare le conseguenze e gli effetti delle radiazioni sull’uomo e sull’ambiente circostante. L’esposizione a livelli molto elevati di radiazioni, come la vicinanza a un’esplosione atomica, o un malfunzionamento della centrale derivato da un problema dell’impianto di raffreddamento del reattore nucleare, può causare effetti molto gravi sulla salute delle persone sia a breve che a lungo termine.

Durante l’esplosione nucleare, vengono emesse nell’ambiente una quantità enorme di radiazioni, dette radiazioni ionizzanti, in grado di condizionare l’organismo umano, alterando gli organi e i tessuti interni.

Il fattore più importante che determina il danno dagli effetti delle radiazioni, è la quantità di energia depositata nel corpo. Maggiore sarà questa energia, maggiore è il danno sulle cellule e sulla salute umana. La quantità di energia assorbita per grammo di tessuto corporeo, viene solitamente misurata in unità chiamate rad.

In questo articolo parleremo degli effetti delle radiazioni sulla salute dell’uomo.

effetti delle radiaizoni

Effetti delle radiazioni

L’evoluzione umana ha sempre vissuto a fianco delle radiazioni, seppur di bassa entità. I nostri corpi, quindi, sono abituati ad affrontare bassi livelli di radiazioni a cui siamo esposti ogni giorno. Quando però, il livello delle radiazioni è troppo elevato, questi possono danneggiare i tessuti modificando la struttura cellulare e danneggiando il DNA. Ciò può causare seri problemi di salute.

Il danno derivante dagli effetti delle radiazioni e la durata dell’esposizione alle stesse dipende da diversi fattori, tra cui:

  • Il tipo di radiazione
  • La quantità di radiazione
  • Quanto tempo il tuo corpo resta a contatto con le radiazioni
  • Il modo di esposizione: come il contatto, l’ingestione o l’inalazione
  • Quanto è sensibile il tuo corpo alle radiazion

Le radiazioni, quindi, sono intorno a noi senza che ce ne accorgiamo e vengono utilizzate in modo sicuro in molte applicazioni. Gli incidenti nucleari e alcune cure mediche come la radioterapia possono essere tutte fonti di avvelenamento per gli effetti delle radiazioni. A seconda della dose, quindi della quantità di radiazioni assorbite dal corpo, gli effetti possono essere più o meno gravi.

 

Malattia da radiazioni

La malattia da radiazioni o avvelenamento da radiazioni si verifica quando una sostanza radioattiva emette delle particelle che causano danni agli organi umani. La malattia da radiazioni non è causata dai comuni test che utilizzano radiazioni a basse dosi, come i raggi X o la TAC. Gli effetti delle radiazioni di una singola radiografia non sono normalmente dannosi, sia perché il livello di radiazione è troppo basso e sia perché le parti del corpo non sottoposte ai raggi X vengono schermate con un grembiule di piombo per evitare esposizioni non necessarie.

Le dosi prolungate e ripetute nel tempo con una certa intensità possono essere causa di molte malattie, Tuttavia è improbabile che l’esposizione breve a  radiazioni e di bassa intensità causi problemi.

Una volta che le radiazioni danneggiano le cellule, è irreversibile e non esiste una cura.

 

Sintomi

I sintomi iniziali della malattia da radiazioni sono solitamente nausea e vomito. La quantità di tempo tra l’esposizione e lo sviluppo di questi sintomi è un indizio di quanta radiazione una persona ha assorbito.

Dopo una prima fase iniziale, una persona con malattia da radiazioni può avere un breve periodo senza malattia apparente, seguito dall’insorgenza di nuovi sintomi ancora più gravi.

Se l’esposizione è lieve, potrebbero essere necessarie ore o settimane prima che inizino segni e sintomi. Ma con un’esposizione grave, i sintomi possono iniziare da pochi minuti a giorni dopo l’esposizione.

La malattia da radiazioni può essere acuta, che si verifica subito dopo l’esposizione, o cronica, in cui i sintomi compaiono dopo qualche tempo, anche molti anni dopo.

I segni e i sintomi di avvelenamento acuto da radiazioni sono:

  • vomito
  • diarrea
  • nausea
  • perdita di appetito
  • malessere
  • mal di testa
  • battito cardiaco accelerato
  • vertigini

Gli effetti delle radiazioni a dosi più elevate, possono causare:

  • perdita di globuli bianchi
  • mal di testa
  • perdita dei capelli
  • danno ai neuroni

 

Fasi della malattia

Secondo il CDC, i sintomi di un grave avvelenamento da radiazioni attraversano normalmente quattro fasi.

Stadio prodromico : nausea, vomito e diarrea, che durano da pochi minuti a diversi giorni

Stadio latente: in questa fase, il paziente appare e si sente generalmente in buona salute per alcune ore o anche per alcune settimane. I sintomi scompaiono.

Stadio conclamato: ciò può comportare problemi con il sistema cardiovascolare, gastrointestinale e nervoso centrale (SNC)

Recupero o morte : potrebbe esserci una lenta guarigione o l’avvelenamento sarà letale.

 

Quante radiazioni sono pericolose per l’uomo?

Esistono diverse unità di misura per misurare la quantità di radiazioni come il Sievert, rem e rad.

sotto i 30 rad sintomi inesistenti
Da 30 a 200 rad sintomi lievi
Da 200 a 1.000 rad sintomi gravi: sintomi gravi
Oltre 1.000 rad: sintomi letali

 

Dopo una dose lieve, la persona può manifestare sintomi per poche ore o giorni. Tuttavia, una dose ripetuta o anche una singola relativamente bassa che produce pochi o nessun sintomo visibile durante il periodo di esposizione può causare problemi nel corso degli anni.

Le persone che subiscono dosi ripetute, o che sembrano riprendersi, possono avere effetti a lungo termine. Se, invece il corpo viene esposto, a 1.000 rad in pochi minuti, questo potrebbe essere letale

 

Prevenzioni dagli effetti delle radiazioni

Ci sono passaggi che puoi adottare per prevenire o ridurre l’esposizione agli effetti delle radiazioni:

  • Chiudi tutte le porte e le finestre
  • Spegni tutti i macchinari che immettono aria dall’esterno come i condizionatori.
  • Portare gli animali domestici in casa
  • Spostati in una stanza interna o meglio in un seminterrato.
  • Rimani fermo per almeno un giorno

Ricorda che i danni da radiazioni sono irreversibili. Una volta che le cellule sono danneggiate, non sono in grado di ripararsi da sole.

Avatar di Healthday
Articolo scritto e revisionato dalla redazione di Healthday.it

Condividi questo post

Articoli correlati