L’insufficienza epatica è un disturbo molto diffuso, che interessa circa il 2% della popolazione adulta. E’ dovuta a diverse cause: si possono riscontrare infatti casi di cirrosi, di epatite cronica o semplicemente di danno al fegato a seguito dell’abuso di alcol o delle sostanze tossiche.

In molti casi l’insufficienza può essere trattata con successo, ma nel 20-30% dei pazienti può perdurare per diversi anni. Negli ultimi anni i progressi nell’ambito della ricerca biomedica hanno fatto sì che si siano sviluppate nuove terapie innovative per il trattamento di questa condizione.

L’insufficienza epatica è una condizione grave che deve ricevere immediatamente un trattamento.

insufficienza epatica

 

Tipi di insufficienza epatica

Insufficienza epatica acuta

L’insufficienza epatica acuta colpisce velocemente e in maniera fulminante. Puoi sperimentare la perdita delle funzioni del fegato in poche settimane. Può accadere improvvisamente senza mostrare alcun sintomo.

Le cause comuni di insufficienza epatica acuta includono l’avvelenamento da funghi o il sovradosaggio di farmaci.

Insufficienza epatica cronica

L’insufficienza epatica cronica si sviluppa più lentamente dell’insufficienza epatica acuta. Possono volerci mesi o addirittura anni prima che si manifesti qualsiasi sintomo.

L’insufficienza epatica cronica è spesso il risultato di cirrosi epatica, che si verifica quando il tessuto epatico sano viene sostituito con tessuto cicatriziale.

Il fegato subisce quindi un’infiammazione,che provoca la formazione di tessuto cicatriziale nel tempo. Man mano che il tuo corpo sostituisce il tessuto sano con tessuto cicatriziale, il tuo fegato perde gradualmente la funzionalità.

 

Insufficienza epatica: sintomi

I sintomi di insufficienza epatica possono includere:

  • nausea
  • perdita di appetito
  • fatica
  • diarrea
  • ittero: un colore giallastro della pelle e degli occhi
  • perdita di peso
  • lividi o sanguinamenti facilmente
  • prurito
  • edema: accumulo di liquidi nelle gambe
  • ascite: accumulo di liquidi nell’addome

Il primo segnale che può indicare un’insufficienza epatica è la nausea che può essere accompagnata da vomito. Se la malattia è in fase avanzata, può comparire un rigurgito sul torace e addome con una colorazione verdognola.

Una volta avvenuta la fase avanzata della malattia, il paziente può essere sottoposto ad un’ecografia per capire la gravità della situazione.

Cause dell’insufficienza epatica

In molti casi l’insufficienza epatica può essere associata a una grave epatite cronica. In altri casi si può verificare dopo un’infezione batterica come l’epatite virale A o B.

In molti casi l’insufficienza epatica può verificarsi per un danno al fegato a seguito di abuso di alcol o di droghe.

La cirrosi epatica è una malattia cronica che degenera nel fegato in una malattia cronica degenerativa, caratterizzata da una perdita epatica progressiva della parenchima epatica, la struttura che svolge la maggior parte delle funzioni epatiche.

Le principali cause di insufficienza epatica sono:

  • alcuni medicinali soggetti a prescrizione
  • alcuni integratori a base di erbe
  • infezioni virali, come l’epatite, inclusa l’epatite A, l’epatite B e l’epatite C
  • tossine
  • alcune malattie autoimmuni
  • alcol
  • Steatosi epatica non alcolica o fegato grasso

La causa più comune di insufficienza epatica acuta è il sovradosaggio di paracetamolo, un farmaco che le persone prendono come se fosse acqua minerale. (articolo)

 

Come si può curare l’insufficienza epatica?

L’intensità della terapia epatica dipende dalla gravità della malattia, dal tipo e dalla gravità dell’insufficienza epatica e dai sintomi evidenziati dal paziente.

Per risolvere il problema dell’abuso di alcol o droghe può essere necessario il ricorso ad una terapia di mantenimento o, in caso di abuso di sostanze tossiche, può essere utile una cura di riduzione del danno al fegato.

Se il fegato è sano ma lievemente danneggiato, può comunque ricrescere. Se invece, il danno è troppo grave un trapianto di fegato potrebbe essere necessario.

 

Prevenzione dell’insufficienza epatica

L’insufficienza epatica ha molte cause differenti e ogni causa dovrebbe essere prevenuta diversamente. Parla con il tuo medico per adottare misure per aiutare a mitigare gli effetti epatici di quanto segue:

  • Epatite C: Puoi adottare misure per prevenire questa infezione praticando quegli accorgimenti atti alla prevenzione delle malattie contagiose.
  • Uso eccessivo di alcol: Difficilmente il consumo moderato di alcol può portare ad insufficienza epatica, comunque sia è meglio limitarlo o eliminarlo del tutto, a parte qualche rara occasione.
  • Farmaci e integratori: Prendi farmaci solo dopo la prescrizione medica, ed evita di assumere integratori da persone di cui non ti fidi ciecamente. Dai sempre un’occhiata su healthday.it prima di acquistare e consumare un’integratore, per capire gli effetti benefici e quelli collaterali sul tuo corpo.

 

Conclusione

L’insufficienza epatica è una condizione grave e devi consultare un medico se vedi i segni della malattia. Pelle e occhi gialli, alterazioni delle feci e perdita di peso involontaria.

La maggior parte delle volte potrebbe non essere nulla, ma ricorda che la diagnosi precoce è vitale in questi casi.

L’insufficienza epatica può agire in silenzio, senza manifestare sintomi fino a quando non è troppo tardi.

Con le giuste cure puoi affrontare l’insufficienza epatica e condurre una vita sana.

 

Avatar di Healthday
Articolo scritto e revisionato dalla redazione di Healthday.it

Condividi questo post

Articoli correlati