L’intossicazione alimentare è una malattia causata dall’ingestione di cibo contaminato da batteri e virus. Anche nota come “malattia di origine alimentare”, può verificarsi quando il cibo è stato cucinato, conservato o trattato in modo completamente sbagliato I bambini piccoli, le donne incinte, gli anziani e le persone con altre malattie possono essere più suscettibili.

L’intossicazione alimentare è una delle principali cause di gastroenterite, causando una serie ben nota di sintomi spiacevoli. A seconda dei sintomi, il medico può condurre vari esami diagnostici, come le analisi del sangue e delle feci o un esame parassitario.

Secondo il CDC , 48 milioni di persone negli Stati Uniti contraggono ogni anno una qualche forma di intossicazione alimentare. Di questi, 128.000 sono ricoverate in ospedale e 300 persone muoiono. La maggior parte contrae questa malattia in forma abbastanza lieve.

intossicazione alimentare

foto creata da katemangostar – it.freepik.com

Sintomi

I sintomi di intossicazione alimentare di solito iniziano entro massimo due giorni dall’ingestione di cibo contaminato.

I sintomi principali includono:

  • nausea
  • vomito
  • febbre
  • perdita di appetito
  • brividi
  • debolezza
  • diarrea
  • muscoli doloranti
  • dolori addominali

Nella maggior parte dei casi, questi sintomi passeranno in pochi giorni e ti riprenderai completamente. L’infezione virale generalmente produce diarrea senza sangue o muco. Al contrario, nella diarrea batterica sono più frequenti.

Uno dei pericoli dell’intossicazione alimentare, è la perdita di liquidi derivanti da diarrea e vomito, che possono portare a disidratazione. Tuttavia, la disidratazione può essere prevenuta bevendo molta acqua.

 

Trattamento dell’intossicazione alimentare

Il trattamento per l’intossicazione alimentare dipende in genere dall’origine della malattia e dalla gravità dei sintomi. Per la maggior parte delle persone, la malattia si risolve  entro pochi giorni. I principali trattamenti sono:

Bevi molta acqua

Se hai un’intossicazione alimentare, è fondamentale rimanere adeguatamente idratati. Sebbene alcune bevande sportive o succhi di frutta siano comunque utili, noi ti consigliamo di bere molta acqua naturale. Inoltre devi assolutamente cercare di evitare la caffeina contenuta nel caffè e nel tè, che essendo diuretica, può aumentare la frequenza urinaria e quindi la disidratazione.

I seguenti possono peggiorare i sintomi durante gli episodi di intossicazione:

  • cibi grassi
  • zuccherati
  • caffeina
  • latticini
  • piccanti
  • alcol

 

Farmaci

I farmaci per ridurre i sintomi legati alla diarrea e vomito sono:

  • Farmaci antidiarroici: come loperamide e il subsalicilato di bismuto
  • Farmaci antiemetici: come clorpromazina e metoclopramide

Gli antidiarroici sono disponibili senza prescrizione, mentre gli antiemetici sono disponibili solo con prescrizione medica. Consigliamo sempre e comunque di rivolgerti ad un medico in entrambi i casi.

Il medico può prescrivere antibiotici se si tratta di un’intossicazione alimentare batterica e i sintomi sono gravi. Durante la gravidanza, un trattamento antibiotico tempestivo può aiutare a evitare che l’infezione colpisca il bambino, perciò prima si inizia meglio è.

Gli antibiotici non aiuteranno l’intossicazione causata da virus, potranno solo peggiorare la situazione.

 

Probiotici e intossicazione alimentare

I probiotici, possono anche essere utili nel trattamento della gastroenterite. Uno studio ha rilevato che l’uso di probiotici nei bambini ricoverati in ospedale per gastroenterite acuta ha ridotto la loro degenza in ospedale.

 

Cause dell’intossicazione alimentare

La maggior parte delle intossicazioni alimentari può essere ricondotta a una delle tre cause principali: batteri, parassiti o virus.

Questi patogeni possono essere trovati su quasi tutto il cibo che mangiamo ogni giorno. ma grazie al calore della cottura vengono uccisi prima di essere ingeriti.

 

Batteri

I batteri sono la causa più comune di intossicazione alimentare. Tra questi troviamo:

  • Escherichia Coli
  • Salmonella
  • Listeria monocytogenes
  • Campylobacter
  • Staphylococcus aureus
  • Shigella

A seconda del tipo di batterio, può causare sintomi diversi e di diversa durata. Nel caso della Salmonella i sintomi possono durare fino a 5 giorni, invece nel caso della Listeria i sintomi possono durare fino a 70 giorni.

 

Virus

L’intossicazione alimentare può anche essere causata da un virus, come ad esempio:

  • norovirus
  • rotavirus
  • virus dell’epatite A

Un’intossicazione virale solitamente è meno aggressiva e dura meno. Nel caso del rotavirus i sintomi durano fino a 6 giorni.

 

Parassiti

L’intossicazione alimentare causata da parassiti non è comune come quella causata da batteri, ma i parassiti che si diffondono attraverso il cibo sono ancora molto pericolosi.

I parassiti possono vivere nel tratto digestivo e passare inosservati per anni. Le persone con un sistema immunitario indebolito sono a rischio di effetti collaterali più gravi se alcuni parassiti si stabiliscono nel loro intestino.

Quali sono i gruppi a rischio intossicazione alimentare?

Se sei incinta, anziana o molto giovane, o il tuo sistema immunitario è debole a causa di malattie immunodepressive, sei maggiormente a rischio di intossicazione alimentare e possibili complicazioni gravi.

Se sei incinta, e sei infetta da Listeria, questa può farti abortire, anche se non sai di essere stata infettata.

 

Prevenzione

Alcuni alimenti hanno maggiori probabilità di causare intossicazione alimentare a causa del modo in cui vengono prodotti e preparati, come ad esempio:

  • carne
  • pollame
  • uova
  • crostacei

Per prevenire un’’intossicazione alimentare ci sono alcune pratiche che puoi mettere in atto, tra cui:

  • cucinare in maniera tale che la temperatura uccida i batteri.
  • separare gli alimenti crudi da quelli cotti.
  • la conservazione al freddo rallenta la crescita di batteri.
  • lavarsi le mani frequentemente

Conclusione

Solitamente questa malattia non dovrebbe causare pericolosi danni alla persona, in buono stato di salute. Cerca di prevenire la proliferazione dei batteri e virus attuare delle semplici pratiche ma essenziali.

In caso di intossicazione alimentare rivolgiti al tuo medici il prima possibile, il quale ti consiglierà il miglior trattamento per curare questa malattia.

 

Avatar di Healthday
Articolo scritto e revisionato dalla redazione di Healthday.it

Condividi questo post

Articoli correlati