La cannella è una spezia dolce che è stata usata nella medicina di tutto il mondo per migliaia di anni. Deriva dai rami degli alberi della Cinnamomum, originario dei Caraibi, del Sud America e del sud-est asiatico. In epoca medievale, i medici lo usavano per trattare condizioni come tosse, artrite e mal di gola. Attualmente è la seconda spezia più diffusa, dopo il pepe nero, negli Stati Uniti e in Europa.

L’olio essenziale di cannella apporta numerosi benefici al nostro organismo ed è stato studiato per i suoi effetti antibatterici e antimicotici e antinfiammatori. Viene ricavato dalla corteccia di diversi tipi di alberi, tra cui l’ Cinnamomum verum e l’albero di Cinnamomum cassia. La maggior parte dell’olio essenziale di cannella deriva proprio da quest’ultimo, poiché è anche la varietà più economica in commercio.

In questo articolo esamineremo i benefici per la salute dell’olio essenziale di cannella e quali sono gli effetti collaterali.

olio essenziale di cannella

Benefici dell’olio essenziale di cannella

Essendo una delle spezie più antiche del mondo, l’olio essenziale di cannella è stato a lungo utilizzato per i suoi numerosi benefici. Ecco alcuni dei principali vantaggi di quest’olio essenziale.

Proprietà antinfiammatorie

Gli antiossidanti contenuti nell’olio essenziale di cannella possono aiutare a ridurre l’infiammazione, che può aiutare a ridurre il rischio di malattie cardiache, malattie neurodegenerative e altro. Sono stati identificati diversi tipi di antiossidanti flavonoidi in quest’olio, tutti efficaci nel ridurre l’infiammazione corporea.

L’olio essenziale di cannella, inoltre, grazie alle sue proprietà antinfiammatorie è molto utile nella gestione del dolore. Secondo uno studio la cannella è in grado di ridurre il dolore muscolare, mestruale, la gravità delle allergie e i dolori legati all’età.

Proprietà antimicrobiche

Secondo uno studio, l’olio essenziale di cannella è in grado di trattare alcuni tipi di infezioni fungine. Lo studio ha rilevato che l’olio era efficace contro un tipo di Candida che colpisce il flusso sanguigno, la candida albicans. Ciò può essere dovuto grazie alle sue proprietà antimicrobiche.

Proprietà antibatteriche

L’olio essenziale di cannella ha forti proprietà antibatteriche, e quindi riesce a combattere gli organismi batterici molto complicati da trattare.

Uno studio ha scoperto che i composti nell’olio di cannella hanno un effetto antimicrobico contro Pseudomonas aeruginosa, un batterio potenzialmente pericoloso per la vita e resistente ai farmaci che colpisce piante, persone e altri animali.

Inoltro l’olio essenziale di cannella supporta la salute orale, Le proprietà antibatteriche e antimicotiche della cannella si sono rivelate efficaci contro Streptococcus mutans, il principale motivo di infezioni ai denti e carie. (studio)

Stabilizza la glicemia

L’olio essenziale di cannella è noto per i suoi effetti anti diabetici poiché è in grado di abbassare gli zuccheri nel sangue e migliorare la sensibilità insulinica, causa principale del diabete.

Questa revisione di studi dimostra che la cannella di cassia può ridurre i livelli di zucchero nel sangue. La cannella ha il potenziale per essere un’utile terapia aggiuntiva nella gestione del diabete di tipo 2. Al momento le prove non sono conclusive e sono necessari studi a lungo termine volti a stabilire l’efficacia e la sicurezza della cannella.

Un altro studio suggerisce che la cannella blocca l’attività di diversi enzimi digestivi, rallentando quindi, l’assorbimento dello zucchero nel sangue dopo un pasto ricco di carboidrati. Per questo motivo, i ricercatori ritengono che le persone con diabete di tipo 2 possano sperimentare significativi effetti positivi sui marcatori di zucchero nel sangue.

Ricorda che gli studi si riferiscono alla cannella e non all’olio essenziale di cannella, il quale non deve mai essere ingerito in alcun modo. In alternativa puoi usare l’olio di cannella per l’uso alimentare, il quale può essere ingerito.

Prevenire il morbo di Alzheimer

Il morbo di Alzheimer è un disturbo neurodegenerativo associato all’età avanzata. I sintomi includono perdita di memoria, confusione, giudizio alterato, disorientamento e perdita delle abilità linguistiche

Secondo uno studio, un estratto presente nella corteccia di cannella, chiamato CEppt, contiene proprietà che possono prevenire lo sviluppo dei sintomi. Lo studio effettuato su topi, i quali hanno sperimentato una diminuzione delle caratteristiche dell’Alzheimer, come le placche senili, e miglioramenti nella loro capacità di pensare e ragionare.

 

Effetti collaterali dell’olio essenziale di cannella

Gli effetti collaterali e le reazioni avverse dell’olio essenziale di cannella includono eruzioni cutanee o bruciore se applicato localmente. Ricorda di diluire gli oli essenziali con un olio vettore, prima di utilizzarli. Puoi usare come olio vettore quello di mandorle, oliva, jojoba e altri. Non strofinare o massaggiare mai l’olio di cannella direttamente sulla pelle a meno che non sia diluito con un olio vettore.

Gli oli essendo lipidi (grassi) non si mescolano in soluzione acquosa, perciò è inutile versarlo direttamente nella vasca, finiresti per irritare la pelle. Inoltre, l’olio essenziale di cannella non va ingerito o utilizzarlo oralmente. Può irritare le mucose interne.

 

Come usare l’olio essenziale di cannella

L’olio essenziale di cannella può essere utilizzato come deodorante per ambienti, in aromaterapia, nei diffusori per ambienti e come crema per il corpo.

Mantieni bassa la concentrazione di olio di cannella se entra in contatto con la pelle. Ad esempio puoi inserire 1 goccia di olio essenziale di cannella in circa 30-40 millilitri di liquido vettore.

 

Conclusione

L’olio essenziale  di cannella apporta molti benefici al nostro corpo. Ha proprietà antimicotiche, antibatteriche e antinfiammatorie.

Può essere utilizzato in aromaterapia come rilassante. Essendo un olio abbastanza forte deve essere utilizzato ogni tanto, potrebbe irritare facilmente la pelle.

Avatar di Healthday
Articolo scritto e revisionato dalla redazione di Healthday.it

Condividi questo post

Articoli correlati