Il sistema nervoso centrale (SNC) coordina le nostre azioni, i nostri riflessi e le nostre sensazioni ed è costituito da due parti: dal cervello e dal midollo spinale. È indicato come “centrale” perché combina le informazioni provenienti dall’organismo e coordina l’attività su tutto il corpo.

In questo articolo viene spiegato cos’è il SNC, da quali parti è costituito e da quali malattie viene colpito. Forniamo, quindi, una panoramica dettagliata su questo sistema così complesso.

Sistema-nervoso-centrale

Cos’è il sistema nervoso centrale?

Il SNC è il centro di elaborazione del corpo ed è costituito dal cervello e dal midollo spinale.

Il cervello è racchiuso all’interno delle ossa del cranio, mentre il midollo spinale è protetto dalle vertebre ossee della nostra spina dorsale. Entrambi sono ulteriormente protetti da tre strati di membrane chiamate meningi. Esiste una terza forma di protezione detta liquido cerebrospinale, che fà da cuscinetto, limitando l’impatto tra il cervello e il cranio e tra il midollo spinale e le vertebre.

 

Sistema nervoso centrale: funzioni

Il sistema nervoso centrale si differisce dagli altri sistemi in quanto ha la capacità di svolgere molti lavori contemporaneamente. Controlla tutti i movimenti volontari, come parlare e correre, e movimenti involontari, come sbattere le palpebre. È anche il nucleo dei nostri pensieri, percezioni ed emozioni.

La funzione principale del sistema nervoso centrale è, quindi, quella di controllare le nostre capacità di pensiero, movimento, emozioni, e anche la frequenza cardiaca, la nostra respirazione, la temperatura corporea e anche il rilascio di alcuni ormoni.

Sistema nervoso centrale: anatomia

Il SNC è costituito dal cervello e dal midollo spinale.

Il cervello

Se il sistema nervoso centrale è considerato il centro dove vengono elaborati i dati provenienti dall’organismo, possiamo definire il cervello la sua sede principale. Questo è l’organo più complesso dell’intero corpo umano, infatti si stima che possa contenere circa 100 miliardi di neuroni supportati da 1000 miliardi di cellule gliali. Si stima, inoltre, che il cervello utilizza circa il 20% di tutta l’energia totale del corpo. (articolo)

Dal punto di vista anatomico, il cervello si distingue in tre parti principali: il prosencefalo (parte anteriore) , il mesencefalo (parte mediale)  e il romboencefalo (parte posteriore)

Prosencefalo

Il prosencefalo è la parte anteriore ed è costituito da altre due parti distinte: il telencefalo (parte superiore) e il  diencefalo (parte inferiore).

Il telencefalo è suddiviso ulteriormente in sei lobi:

  • 1. Lobo frontale: funzioni di ragionamento, giudizio e controllo motorio
  • 2. lobo parietale: comprensione del linguaggio, la memoria delle parole.
  • 3. lobo temporale: processi uditivi.
  • 4. lobo occipitale: funzioni sensoriali
  • 5. rinencefalo: funzioni olfattive
  • 6. corpo striato: riceve informazioni dalla corteccia cerebrale

Il diencefalo è la parte sottostante al telencefalo che contiene strutture molto importanti tra cui:

  • Talamo: raccoglie le informazioni sensoriali, tranne l’olfatto ed è coinvolto nella regolazione della coscienza, della consapevolezza e della vigilanza.
  • Ipotalamo: situato alla base del talamo e ha le dimensioni di un fagiolo, secerne un numero di neurormoni e influenza il controllo della temperatura corporea, la sete e la fame, il sonno.
  • Epitalamo: situato sopra il talamo responsabile della produzioni di melatonina
  • Subtalamo: situato medialmente tra il talamo e l’ipotalamo, riceve le informazioni dal cervelletto
  • Terzo ventricolo: situato nella parte superiore del diencefalo produce il liquido cerebrospinale.

Mesencefalo

Il mesencefalo funge da punto di connessione vitale tra il proencefalo e il romboencefalo ed è anche la parte che collega il cervello al midollo spinale. Questa parte del cervello ha il compito di trasportare gli impulsi nervosi dalla corteccia cerebrale fino al tronco encefalico, in modo che raggiungano i muscoli del corpo umano. Perciò il mesencefalo collega il tronco encefalico con il talamo.

Rombencefalo

Il rombencefalo è la parte posteriore del cervello ed è formato dal metencefalo e dal mielencefalo.

Il metencefalo è costituito da due importanti regioni, quali:

  • cervelletto: Funge da connessione tra i sensi e le funzioni motorie. E’ quindi coinvolto principalmente nel controllo motorio, ma anche nel linguaggio e nell’attenzione. Danni al cervelletto compromettono la coordinazione motoria, una condizione nota come atassia.
  • Ponte di varolio: ha un ruolo attivo nel mantenimento dello sguardo su una posizione fissa anche a seconda dell’inclinazione del cranio.

Il mielencefalo è la parte inferiore del rombencefalo che contiene il midollo allungato che trasmette gli impulsi nervosi dal midollo spinale al cervello.

cervello-interno

Il midollo spinale

Il midollo spinale è una struttura composta da fibre nervose che scorre all’interno e lungo la colonna vertebrale e collega il cervello attraverso il tronco encefalico con il resto del corpo.

Funge da collegamento tra il sistema nervoso periferico e il sistema nervoso centrale. Dal tronco encefalico infatti, 31 nervi spinali entrano nel midollo spinale per irradiarsi in tutto il corpo umano (pelle, muscoli, articolazioni).

Il midollo spinale, è quindi, la struttura che connette il cervello con il resto dell’organismo per mezzo dei nervi. Infatti il sistema nervoso centrale per poter eseguire tutte le sue funzioni, si serve del sistema nervoso periferico (SNP), quest’ultimo a sua volta trasmette le informazioni sensoriali per mezzo dei tessuti sensoriali come la pelle al sistema nervoso centrale.

Il midollo spinale contiene circuiti che controllano alcune risposte riflesse (i riflessi), come il movimento involontario che un braccio potrebbe fare nel caso in cui dovesse scottarsi.

 

Materia bianca e grigia

La materia grigia sono le aree in cui l”elaborazione” viene eseguita mentre la sostanza bianca fornisce la comunicazione tra le diverse aree di materia grigia e tra la materia grigia e la resto del corpo.

Cos’è la materia grigia?

La materia grigia è costituita principalmente da corpi cellulari neuronali (neuroni). La materia grigia in tutto il sistema nervoso centrale consente agli individui di controllare il movimento, la memoria e le emozioni.

Cos’è la materia bianca?

La sostanza bianca è costituita principalmente da assoni (proiezioni nervose) e oligodendrociti, un tipo di cellula gliale.

Questi assoni mielinizzati, si estendono dal corpo del neurone, anche detto soma e sono di colore biancastro a causa del contenuto di grasso lipidico relativamente alto della proteina mielinica che li riveste. Questi connettone le varie cellule del cervello (neuroni) tra di loro. (articolo)

 

Malattie del sistema nervoso centrale

Il sistema nervoso centrale può essere colpito da numerose malattie che causano problemi di paralisi di una parte del corpo o di tutto il corpo, o problemi legati al flusso sanguigno, tra cui:

  • Trauma cranico: una lesione cranica può causare danni all’encefalo, causando sintomi più o meno gravi, come una paralisi o disturbi umorali.
  • Malattie degenerative: in alcuni casi, il midollo spinale o il cervello possono degenerare. Esempi sono il morbo di Parkinson e l’Alzheimer, la SLA (sclerosi laterale amiotrofica) o la sclerosi multipla.
  • Infezioni: alcuni microrganismi e virus possono invadere il sistema nervoso centrale; questi includono funghi, come la meningite criptococcica; batteri come la lebbra, parassiti come la malaria o dei virus.
  • Ictus: un’interruzione dell’afflusso di sangue al cervello con conseguente mancanza di ossigeno che provoca la morte del tessuto nell’area interessata.

 

Avatar di Healthday
Articolo scritto e revisionato dalla redazione di Healthday.it

Condividi questo post

Articoli correlati