Il COVID-19 è la malattia causata dal virus SARS-CoV-2. Nel corso del tempo questo virus è stato in grado di mutare, soprattutto nei paesi in via di sviluppo, dove le condizioni igienico-sanitarie sono molto scarse e i vaccinati sono un numero molto basso. Per via di tutte queste mutazioni il virus sta prendendo un forma lineare, in linea con l’andamento storico degli altri virus, ciò significa, sì un maggiore contagio, ma anche una migliore risposta immunitaria da parte degli infetti. Un maggiore contagio che potrebbe essere anche dato dalle minori restrizioni e non per forza dalla maggiore contagiosità della variante Omicron del coronavirus, ma la risposta ospedaliera è stata notevolmente adeguata, e questo ci fa ben sperare per il 2022.

In questo articolo però, vorrei parlare dei tipi di tamponi o test per rilevare il coronavirus.

Tipi di test coronavirus

Questi test mirano a scoprire se una persona ha, o ha avuto in passato un’infezione da coronavirus. Tra i test principali troviamo il test molecolare, il test antigenico e il test sierologico o anticorpale.

 

Test molecolare

Il test molecolare è considerato il test più accurato per diagnosticare il covid-19 e cerca segni di un’infezione in corso. I test molecolari rilevano la presenza del materiale genetico del nuovo coronavirus e possono rilevare più di un solo gene virale.

Come si esegue?

Un campione viene prelevato mediante tampone faringeo e analizzato attraverso metodiche molecolari chiamate RT-PCR (Reverse Transcription-Polymerase Chain Reaction), che rileva i frammenti di RNA virale e che può essere effettuato solo in laboratori altamente specializzati. Richiede mediamente dalle 2 alle 6 ore dal momento in cui il campione viene inviato per essere processato in laboratorio.

Accuratezza

Uno studio del 2021 ha scoperto che i test molecolari hanno diagnosticato correttamente il 95,1% dei casi di COVID-19.

E’ anche possibile che possano esserci dei falsi negativi anche su test molecolari e ciò dipende da:

  • Errori durante il tampone
  • Trasporto in laboratorio
  • Elaborazione del campione
  • Tempistiche

I test molecolari potrebbero richiedere almeno 4-5 giorni prima di essere effettuati, il tempo necessario per la rilevazione dei geni virali, quindi fare un test durante questo periodo potrebbe dare falsi negativi. Anche aspettare troppo non è producente, in quanto già dopo una settimana il materiale genetico inizia a diminuire.

Quanto costa?

Il costo di un tampone molecolare è tra i più alti e il prezzo parte da 60 euro. (articolo)


Test antigenico

I test antigenici, molto spesso chiamati anche test rapidi sono basati sulla rilevazione delle proteine virali dette antigeni.

Come si esegue?

I metodi di rilevazione sono gli stessi dei test molecolari, quindi proseguendo attraverso un tampone faringeo e il tempo di risposta è estremamente breve (dai 15 ai 30 minuti) per ottenere il risultato.

Accuratezza

La sensibilità e la specificità di questo test sembrano essere inferiori a quelle del test molecolare. Ciò comporta la possibilità di un numero maggiore di falsi negativi se la carica virale è bassa. Inoltre, i risultati positivi devono essere confermati mediante tampone molecolare.

Secondo uno studio l’accuratezza risulta pari al 72% nei soggetti sintomatici, e al 58% nei soggetti asintomatici. Numeri molto più bassi rispetto al test molecolare.

Quanto costa?

Un test antigenico costa circa 15 euro per i maggiorenni e 8 euro per i minorenni. Negli ultimi giorni vista l’affluenza ingiustificata per questo tipo di test, alcuni centri privati hanno alzato i prezzi arrivando a 30 euro per tampone. (articolo)


Test sierologico anticorpale

I test sierologici anticorpali possono essere molto utili per rilevare se un soggetto ha avuto il coronavirus in precedenza. Infatti, rilevano gli anticorpi presenti nel sangue che il corpo produce in risposta al coronavirus. Questo test non è in grado di diagnosticare un infezione da coronavirus in corso in quanto il nostro corpo produce gli anticorpi dopo un tempo che varia da 1 a 3 settimane dopo l’infezione.

Come si esegue?

Per eseguire il test sierologico richiede un campione di sangue. Sebbene possa indicare una passata infezione da SARS-CoV-2, questi test possono anche rilevare gli anticorpi prodotti per combattere altri tipi di coronavirus come un raffreddore ad esempio. Quindi, la positività del test non indica necessariamente che la persona abbia avuto il COVID-19.

Accuratezza

Dopo una settimana dalla comparsa dei sintomi il test ha un’accuratezza del 30%. Dopo 2 settimane del 70% e dopo 3 settimane del 90%. (studio)

Quanto costa?

Il costo di un test sierologico varia da 30 a 45 euro.


 

 

Quando fare il test per il coronavirus?

Secondo il CDC (centro di controllo e prevenzione delle malattie) dovresti fare un test per diagnosticare il coronavirus se:

  • Hai dei sintomi riconducibili a Covid-19 come la febbre e la tosse.
  • Hai avuto contatti ravvicinati con un soggetto che è risultato positivo al coronavirus
  • Presenza in ambienti particolarmente affollati, come le piazze piene e i mezzi pubblici

Non devi fare un test se:

  • Sei completamente vaccinati contro il COVID-19, anche se sei stato esposto a qualcuno con l’infezione.
  • Sei risultato positivo al test negli ultimi 3 mesi e sei guarito.

 

Conclusioni

Come avete visto i test per fornire una diagnosi di contrazione del nuovo coronavirus sono spesso molto limitati, e nei casi migliori, come per i test molecolari hanno un costo molto elevato, richiedono un tempo di elaborazione, e una certa consapevolezza, poiché sbagliando le tempistiche c’è probabilità di falso positivo.

Ora non voglio dire che i tamponi non servono, perchè non è assolutamente vero, ma la probabilità che possa risultare falso è abbastanza alta, soprattutto nei test rapidi, compromettendo anche i dati giornalieri, i quali visto l’andamento del virus, la situazione ospedaliera e i ricoveri intensivi, nonchè i decessi giornalieri, vista la storicità di altri virus, sono quasi fine a se stessi, i dati.

Avatar di Healthday
Articolo scritto e revisionato dalla redazione di Healthday.it

Condividi questo post

Articoli correlati